LEISHMANIOSI CANINA, NUOVO FARMACO A DISPOSIZIONE

06 novembre 2007 in

 

Si chiama Milteforan della Virbac, ed è un nuovo farmaco molto promettente per la cura della Leishmaniosi canina a somministrazione con il cibo e non in puntura. Segnalo un sito da visitare:

http://www.caprarola.com/dblog/articolo.asp?articolo=75

 

 

 

 

 

Commenti

Caro Dottore ho un setter di 7 anni, l'anno scorso a maggio tramite l'analisi ho riscontrato che il mio cane era affetto da lesmaniosi, i sintomi erano, la perdita di pelo e gli occhi da panda.
Dalle analisi è risultato positivo con valore 360, così ho iniziato la cura con milteforan e due pastiglie al giono di ziloric 300, mentre i reni erano apposto.
Finita la cura del milteforan, il cane è migliorato, è tornato come prima, pelo perfetto grande appetito, grande resistenta durante la caccia, le analisi effettuate a settembre il cane dava un valore di 160, non ho mai sospeso lo ziloric 300 con le sue due pasticche al di.
Il cane ha fatto tutta l'annata venatoria in montagna, senza il minimo problema, tuttora il cane stà bene , mangia corre il pelo buono, ho rifatto le analisi il 12/04/2011 tutto bene i valori normali ma il valore della lesmania è rimasto ancora a 160.
Lei che ne pensa? è il caso di rifare un'altra volta il milteforan? oppure seguito a dargli solo lo ziloric300 due pastiglie al di? premetto che è uscito il vaccino della virbac in portogallo e che presto uscirà anche da noi, ma non funziona per i cani che hanno già contratto la malattia.
La rigrazio cordialmente.
Rosa

stiamo tutti aspettando con ansia i risultati delle prove su questo nuovo vaccino
per ora non se ne sa molto
nel frattempo segua scrupolosamente le indicazione del suo veterinario

scienziati spagnoli realizzare un vaccino contro la leishmaniosi e umano

Un grupo de científicos de la Red de Investigación Cooperativa de Enfermedades Tropicales (RICET) ha logrado elaborar, utilizando organismos genéticamente modificados, una vacuna contra la leishmaniasis, una enfermedad que afecta cada año a dos millones de personas en más de 90 países. Un gruppo di scienziati della Ricerca Cooperativa Rete delle Malattie Tropicali (Ricet) è riuscito a produrre, usare organismi geneticamente modificati un vaccino contro la leishmaniosi, una malattia che colpisce ogni anno due milioni di persone in oltre 90 paesi. Hasta ahora, no existía ninguna vacuna eficaz contra la enfermedad y los tratamientos son poco efectivos. Fino ad ora, non c'era nessun vaccino efficace contro la malattia ei trattamenti sono inefficaci.

Los investigadores han conseguido esta vacuna, que se encuentra todavía en fase de investigación, manipulando genéticamente la Leishmania con técnicas de biología molecular. I ricercatori sono riusciti in questo vaccino, che è ancora sotto inchiesta, manipolando geneticamente i Leishmania con tecniche di biologia molecolare. Así crearon mutantes con una capacidad muy comprometida de desarrollar una infección activa 'in vivo' que podría proteger tanto a personas como a perros. Così hanno creato mutanti con una capacità molto impegnata nello sviluppo di un'infezione attiva in vivo potrebbe proteggere sia le persone ei cani.

En concreto, han generado una línea de L. In particolare, hanno generato una linea di L. infantum que es deficiente en uno de los genes HSP70. infantum che è carente di uno dei geni HSP70. La proteína HSP70 protege al parásito del cambio de temperatura asociada a su transmisión, desde la temperatura ambiente en el insecto vector hasta la temperatura corporal, que puede ser de 37 graso o mayor, en estados febriles. proteina HSP70 protegge il parassita della variazione di temperatura connessi alla sua trasmissione, dato che la temperatura ambiente in insetto vettore a temperatura corporea, che possono essere 37 o maggiore di grassi in condizioni di febbre.

La falta de producción de esta proteína disminuye la capacidad de multiplicación del parásito en animales de experimentación (ratones) y así, los parásitos mutantes son menos virulentos. La mancanza di produzione di questa proteina diminuisce la capacità di moltiplicazione del parassita negli animali da esperimento (topi) e quindi, i mutanti sono parassiti meno virulento. El parásito modificado genéticamente ha servido para desarrollar una vacuna atenuada que podría ser eficaz para distintos tipos de leishmaniasis. Il parassita geneticamente modificati, è servita a sviluppare un vaccino che potrebbe essere efficace per diversi tipi di leishmaniosi.

UNA INMUNIZACIÓN "DE POR VIDA" Un'immunizzazione "a vita"

Según explicó a Europa Press el profesor de la Universidad Autónoma de Madrid, José María Requena, uno de los autores del descubrimiento, el abordaje que ha permitido hallar esta vacuna "va en la misma dirección de la técnica conocida como leishmanización, empleada en soldados de países como Irán o Israel". Secondo Europa Press, disse il professore della Universidad Autónoma de Madrid, José María Requena, uno degli autori della scoperta, l'approccio che ci ha permesso di identificare questo vaccino, "va nella direzione della tecnica nota come leishmanización, usato in soldati paesi come l'Iran o Israele ".

En concreto, según este investigador, del Centro de Biología Molecular 'Severo Ochoa', este método consiste en administrar un parásito atenuado --menos agresivo y con problemas para multiplicarse con temperaturas superiores a 37 grados--, que persistiría en el organismo, manteniendo activa la protección del sistema inmunitario. In particolare, secondo questo ricercatore, Centro di Biologia Molecolare 'Severo Ochoa', questo metodo implica la gestione di un parassita attenuato - meno aggressiva e con problemi di moltiplicarsi a temperature superiori a 37 gradi - che persistono nel corpo, mantenendo tutela attiva del sistema immunitario.

"Hasta el momento, se han investigado vacunas basadas en el uso de proteínas recombinantes o parásitos muertos. Este tipo de vacunas no están funcionando y creemos que el problema está en que la memoria inmunológica de estas vacunas es de corto alcance, por lo que su protección va disminuyendo y al final desaparece", indicó. "Finora, la ricerca è stata vaccini a base utilizzando proteine ricombinanti o parassiti morti. Tali vaccini non sono di lavoro e crediamo che il problema è che la memoria immunologica di questi vaccini è a corto raggio, quindi la sua protezione diminuisce e scompare alla fine, "ha detto.

"Nuestra vacuna conseguiría una protección de por vida frente a este parásito, como la que se consigue con la inmunización natural, en la que el parásito continúa estando en la persona, a unos niveles bajos que no generan enfermedad, pero que estarían activando continuamente la memmoria biológica del organismo", anotó. "Il nostro vaccino sarebbe avere una durata di protezione contro questo parassita, come quello realizzato tramite l'immunizzazione naturale, in cui il parassita rimane nella persona, a livelli bassi che non causano la malattia, ma sarebbe continuamente l'attivazione Memmories biologia dell'organismo ", ha detto.

A partir de ahora, el objetivo es probar la efectividad de esta vacuna en hamsters, para la Leishmaniasis visceral, y después continuar los ensayos en perros, donde su éxito sería clave para saber si funcionará o no en humanos. Da ora in poi, l'obiettivo è quello di testare l'efficacia di questo vaccino nei criceti, per leishmaniosi viscerale, e poi continuare il test nei cani, dove il suo successo sarebbe fondamentale dell'esistenza o meno di lavorare negli esseri umani. "El perro es el modelo idoneo, porque reproduce bastante bien lo que ocurre en humanos. Si funciona en perros, tendría muchos visos de funcionar en personas", aseveró. "Il cane è il modello giusto, perché riproduce abbastanza bene ciò che accade negli esseri umani. Se si lavora in cani, avrebbe connotazioni di lavoro nel popolo", ha detto.

UNOS 500.000 CASOS DE LEISHMANIASIS VISCERAL Circa 500.000 casi di leishmaniosi viscerale

Las leishmaniasis agrupa a un conjunto de enfermedades causadas por diversas especies del género Leishmania. Leishmaniosi comprende un gruppo di malattie causate da varie specie di Leishmania. Cerca de medio millón de estos casos sufren leishmaniasis visceral, su forma más mortal. Circa mezzo milione di questi casi soffrono di leishmaniosi viscerale, il più letale forma.

Este protozoo parásito es trasmitido por la picadura del mosquito hembra 'Phlebotomus' (en Europa) y 'Lutzomyia' (en América), permitiendo que entre en el organismo y se multiplique. Questo protozoo parassita è trasmesso dal morso di zanzara femmina 'Phlebotomus' (in Europa) e 'Lutzomyia' (in America), permettendo che entra nel corpo e moltiplicarsi.

La infección permanecer clínicamente silenciosa durante largo tiempo y manifestarse de forma súbita, con frecuencia, asociada a algún proceso de inmunodepresión. Rimanete infezione clinicamente silente per molto tempo e colpire all'improvviso, spesso, un processo associato con immunosoppressione.

El perro es un reservorio importante del parásito para su transmisión al hombre. Il cane è un serbatoio importante per la trasmissione del parassita all'uomo. En los países mediterraneos y de Sudamérica, la leishmaniasis visceral canina es un grave problema veterinario. Nei paesi del Mediterraneo e del Sud America, la leishmaniosi viscerale canina è un problema serio veterinario.

COME SI FA' AD AVERE TALE VACCINO?, COSA NE PENSA LEI?.

Gent. Sig. Claudio
per ora in Italia non ci sono vaccini.
Se questo vaccino supererà la fase sperimentale e verrà messo in commercio dovremmo comunque aspettare che il Ministero della Salute italiano accetti il brevetto anche per il nostro paese.
Cordiali saluti

informativa sul farmaco per utilizzo e acquisto

Gent. Sig.ra Maria Giovanna,
il Milteforan può essere procurato in qualsiasi farmacia, serve la ricettazione di un Medico Veterinario che abbia visitato il cane.
Le auguro che possa curarla.

Gent. Sig. Davide,
le consiglio di affidarsi alle cure del Collega che saprà consigliarla al meglio sul da farsi.

salve dottore . Sono una ragazza di 15 anni e ho un cane che soffre di lesmaniosi ,il nostro veterinario dice che nn è curabile però vorrei sapere da lei se noi in qualche modo possiamo curarlo e vorremo sapere dove possiamo trovare il milteforan . Per cortesia mi risponda al più presto perchè io non voglio perdere il mio cane

Sulla mail precedente ho omesso di dirle cosa è stato dato al mio beagle per l'osteite: deltcortene da 5 mg. Il cortione lo ha reso immunodepresso??

Gentile dott. stasera ho portato il mio beagle di 11 mesi affetto da leishmaniosi c/o una clinica veterinaria, dove è stato ricoverato perchè perdeva sangue dall'ano e dagli occhi. E' in cura con milteforan già da 15 giorni, ma solo stasera gli hanno dato l'allopurinolo. A che serve quest'ultimo?Il ricovero inoltre è stato fatto anche perchè il cane soffre di dolori addominali, per i quali domani sarà fatta un'ecografia. Gli esami sierologici rivelano una buona funzionalità renale , ast aumentata, quadro elettroforetico fortemente alterato, proteine nelle urine. La domanda è guarirà? Il mio beagle ha avuto sempre dei problemi, perchè a circa 5 mesi gli è stata diagnosticata un'osteite per la quale ha preso 5 mg al giorno fino a 20 giorni fa, quando il cane ha manifestato i sintomi della malattia. Per la diagnosi di essa gli è stato fatto un puntato linfonodale e non l'esame sierologico. Pccorre farglielo per sapere il titolo anticorpale?? Ai fini della terapia (1.5 mg al giorno di milteforan) è necessario? Spero di essere stata esaustiva. La ringrazio per la sua risposta
Davide

Gent. Sig.ra Sara,
non vi è un rapporto così chiaro tra livello di positività e prognosi più o meno favorevole.
Sicuramente il suo animale, se le condizioni cliniche sono ancora buone, se curato ha più probabilità di altri.
In bocca al lupo!

Salve dottore,ho sottoposto il mio cane al test ELISa per la valutazione della leishmaniosi e da questo esame si evince un livello medio positivo (abs =,653). Significa che la malattia è ad uno stadio iniziale e pertanto è curabile??La ringrazio anticipatamente

Cara Laura,
in bocca al lupo per i tuoi studi!
Mi spiace molto per il tuoi cagnolino ma non riesco per mail ad esserti di molto aiuto, penso possa trattarsi di un caso molto complesso.
Ti consiglio una visita dermatologica da un dermatologo veterinario di chiara fama.

Salve dottore, sono iscritta al secondo anno di Medicina Veterinaria. La mia cagnolina meticcietta di 13 anni e mezzo, peso circa 8 kili e mezzo ha incominciato ad avere croste all'interno del padiglione auricolare i primi di ottobre, dopo di che macchie rossastre ai lati della coda e sul dorso.
Leshmaniosi negativa mentre ricchetssiosi positiva ma a bassi valori.
Si presume che questi sintomi siano di questa malattia o peggio ancora di pemfigo.
Dal 3 dicembre prende doxiclina ronaxan ma le macchie sono diventate più scuse e più estese?
Che consiglio mi da?
Grazie mille

grazie per la bella testimonianza!

Ho iniziato 5 giorni fa la cura al mio cane Dark un trovatello di 6 anni, di cira 20kg. affetto la lesmaniosi ( valori 1/320),contratta in puglia (Santa Maria di Leuca) , con il nuovo farmaco MITEFORAN della VIRBAC, comprato regolarmente presso la Croce Azzurra di Padova, di Via Monte Cemgio prezzo (138 euro scontato) flaccone da 60 ml, ne devo somministrare 2 ml al giorno ( 1 ml per ogni 10kg). Oggi l'ho portato nuovamente a visita dal Dott. Cagni Giorgio ( ottimo veterinario e sopratutto aggiornato) e ha notato dei buoni sintomi di ripresa. Il cane è molto più reattivo, meno apatia e dolori articolari, rispetto a prima, il pelo è ritornato lucido , prima cadeva a ciuffi , anche gli aloni intorno agli occhi ( effetto Panda) si stanno riducendo e anche l'appetito è ritornato normale rispetto al famelico di prima. In breve, se mi ero rassegnato ad un'evento doloroso, che non auguro a nessuno, ora spero di poter godere ancora di parecchi anni dell'affetto e della compagnia di un meraviglioso amico di vita che tanto mi dà e poco pretende. Un caro ed affettuoso saluto a tutti quelli che stanno passando questo brutto momento , con la speranza che questa mia testimonianza via sia di conforto.

Buonasera,

ho appena letto la sua esperienza e mi piacerebbe sapere, a distanza di quasi due anni, se il suo cane è migliorato o addirittura guarito. Ho saputo ieri che Luna, il mio cane di quasi 3 anni, è affetta da leishmania e inizieremo la prossima settimana la terapia che ci consiglierà il veterinario. Sono molto preoccupata ma spero tanto che Luna risponda positivamente alle cure e magari guarisca. Per ora la malattia le ha provocato problemi alle articolazioni ma nessun altro problema clinico.

Mi auguro che il suo cane si guarito e la saluto cordialmente.

Daniela Bottazzi

Gent. Sig. Giacomo,
questa inofrmazione deve dargliela il collega che ha potuto visitare il cane, non io che posso solo leggere la sua mail !

dott. volevo delle informazioni ho un cucciolo di pastore tedesco di appena 3 mesi
questa mattina mi sono accorto che il cucciolo non vede piu di un occhio
si e graffiato l'occhio nn so come, so solo che il cucciolo e vivace. sono andato dal veterinaio ke mi a prescritto dei farmaci dicendo ke si trattava di una lesione
io volevo sapere se potra recuperare la vista dell'occhio?
grazie in anticipo

Gent. Sig.ra Maria Letizia,
la ringrazio per la sua testimonianza, molto importante e accorata.

Gent.mo Dottore,
leggendo gli appelli di altre persone con cani ammalati di leishmaniosi, ricordo la mia disperazione e vorrei raccontare la mia esperienza sperando possa essere di aiuto.
Sono passati tre anni e mezzo da quando ho addottato un Dobermann proveniente da Roma, di un anno e mezzo circa.
Alla clinica per cani dove l'abbiamo preso il veterinario ci ha detto che il cane era sanissimo, era stato abbandonato e non sapevano nulla di lui, all'inizio era vivacissimo ma dopo pochi mesi abbiamo riscontrato problemi di andatura sanguinamento dal naso, forfora, e nell'ultimo periodo difficoltà ad alzarsi. Dovevamo sollevarlo per portarlo in macchina e a fatica si alzava dalla sua cuccia, per sintetizzare ci siamo resi conto attraverso il test che si trattava di leishmaniosi valore 1:3200. Lo abbiamo portato da vari medici, anche da un ricercatore della Virbac, il milteforan era allora chiamato miltefosine e non vi erano molte certezze ...A parte il fatto che bisognava procurarselo in Svizzera o attraverso altri canali, e bisognava iniettarlo.
La fortuna del mio cane, che ora ha un valore stazionario a 800, è stata un'amica che mi ha consigliato di parlare con la sua veterinaria. Nel giro di poco tempo ha ripreso a saltare, correre e ha preso anche chili e ora lui ne pesa 44
Prende da tre anni circa, 2 pastiglie e mezzo di allopurinolo tutte le sere. Ho utilizzato anche uno sciroppo che si chiama Immunodine, sciroppo per bambini, che stimola il sistema immunitario, nei periodi in cui mangiava a fatica. Periodicamente rifaccio gli esami del sangue, e per ora sono stazionari..mi rendo conto che ogni giorno è regalato, però non l'ho costretto a una cura che poteva essere troppo pesante o dolorosa da sopportare.
So che non tutti i medici condividono questo "protocollo" e non posso dire che funzioni per altri cani, però lui è rinato, è vivacissimo e quando spiego che è un cane ammalato nessuno ci crederebbe.
Maria Letizia

Gent. Sig. Isisodoro,
le prove per le due malattie hanno una buona specificità, quindi si valutano gli anticorpi specifici per le due malattie, purtroppo non è possibile confonderle.
Entrambe sono trasmesse da vettori come gli insetti.
Si affidi alle cure del suo Veterinario che la saprà consigliare al meglio sulle cure da farsi.
In bocca al lupo.

dottore le scrivo perche sono disperato
il mio cane dopo un esame a riscontrato sia la leishmaniosi sia la ricchettiosi.
pero ho notato qualcosa di strano i valori della ricchettiosi sono alti (cioe in una scala e risultato il massimo valore) mentre la lesmaniosi e in uno stato medio
ora le chiedo , e possibile che la ricchettiosi abbia alterato i valori della lesmaniosi?
e quindi a soltanto la ricchettiosi?
le chiedo gentilmente di rispodermi perche nello stato in cui mi trovo nn posso andare dal veterinaio (per circa altri 10 giorni) quindi vorrei sperare che sia soltanto un errore di esami.
grazie

Gent. Sig. Ettore,
le vitamine del gruppo B sono dei depuranti dell'organismo e degli oressizzanti, ossia aumentano l'appetito.
Ne parli con il suo Veterinario curante.

grazie dottore.
Continuo ad alimentarlo con la siringa...poco alla volta e + volte al giorno.
Lui manifesta stanchezza e ogni tanto vomita...ma il problema che mi preoccupa di più è l'inappetenza.
spero vivamente che col completarsi della cura col milteforan questi sintomi possano regredire.
volevo chiederle se esistono metodi o farmaci per cercare di contrastare l'inappetenza...che ormai sembra anoressia.
Grazie

Gent. Sig. Ettore,
le recidive (manifestazioni di una malattia che si rimanifestano dopo essere apparentemente guariti) sono sempre molto più "fastidiose" delle malattie al loro esordio. Vedo che i colleghi la stanno seguendo con grande professionalità e la invito a confidare nelle cure che le stanno prescrivendo.

salve dottore, ho un setter di 7 anni che per me è la vita.
Circa 3 anni fa,in seguito al manifestarsi dei classici sintomi(perdita di pelo,etc) gli fu diagnosticata la lehismaniosi.
cominciammo cosi' il ciclo di cura a base di glucantime e allopurinolo...alla fine del ciclo di cura il cane era completmente dimesso.
Per i 2/3 anni successivi il cane è stato benissimo non manifestando sintomi clinici, sicchè il veterinario consiglio' di non continuare alcuna cura(noi continuammo ciclicamente a dargli l'allopurinolo).
2 settimane fa il cane ha manifestato una violenta epistassi...gli esami mostrarono una forte anemia ed insufficenza renale...il cane è stato cosi' sottoposto a trasfusione e dimesso.
Ho iniziato,sotto indicazione dei veterinari, la cura di milteforan e allopurinolo, associandovi un disintossicante e delle vitamine(betotal e carnitina) e alimentandolo con royal canin renal.
Dopo una sett e 1/2 di cura il cane è inappetente(lo nutriamo regolarmente col cucchiaio) e sempre più spossato.
Volevo chiederle se la spossatezza potrebbe essere o meno un effetto collaterale del milteforan e se in certi casi possa risultare corretto interroperne il ciclo terapeutico...la prego risponda.
GRAZIE

grazie di tutto
Salvo

Gent. Sig. Salvo,
la colpa non è dei Medici che seguno il suo cane, la colpa è della Malattia che non è certo facile da debellare.
Le terapie che i colleghi le hanno prescritto sono corrette e moderne e quindi la invito a seguire le prescrizioni.
Ogni esame in più sarà utile ai fini diagnostici.

Salve dottore
le scrivo perche' all'inizio dello scorso anno al mio cane, femmina di quasi 3 anni,45 kg di peso,razza corso e' stata diagnosticata attraverso un classico test la positivita' alla leishmaniosi.
Anche se nn vi erano segni di manifestazione del virus sotto prescrizione del medico ho iniziato la cura, ovvero GLUCANTIME.
Da circa un mese mi sono accorto che il cane aveva un taglio nella parte anteriore del naso e 10 giorni dopo siamo andati a fare un controllo da un'altro dottore a cui ho esposto i problemi e ho chiesto se la leishmaniosi poteva centrarci qualcosa visto la positivita'.
Mi ha detto che era una delle manifestazioni del virus e mi ha prescritto MILTEFORAN piu' ALLOPURINOLO e a questi associato un mangime renal.
Adesso e da 10 giorni che il cane segue la terapia ma nn ho visto miglioramenti riguardo al naso, anzi,e dimagrita e nn mangia i croccantini(royal canin renal).
E' il caso di eseguire un esame ifi?
E' il caso di continuare la cura?
NN SO COME COMPORTARMI NN MI FIDO PIU' DEI MEDICI CHE SEGUONO IL MIO CANE COSA POSSO FARE?
MI AIUTI!
Grazie anticipatamente
Salvo da Palermo

Gent. Rosa Pascale,
non ci sono grosse differenze nel dare il Milteforan 24 o 28 giorni, le consiglio di attenersi scrupolosamente alle indicazioni del Collega.
Le vitamine sono sicuramente utili in ogni malattia cronica debilitante.

Salve,
il mio cane, un meticcio di 4 anni, ha contratto la lesmaniosi. a piaghe sulle zampe, le ghiandole ingrossate e inizia a perdere pelo intorno agli occhi e alla bocca. Il veterinario mi ha prescritto Zyloric 300 mg 2 pasticche al giorno per un anno e 2,5 mg di milteforam per 24 giorni. Non conosco questo veterinario perchè ho cambiato da poco città e quindi non so se fidarmi. Sul foglietto illustrativo del milteforam ho letto che la cura dura 28 giorni e che bisogna darne 2mg ogni 10 kg. Secondo lei la cura è coretta? Devo dare vitamine(tipo multicentrum) al cane? Grazie mille, Rosa

Gent. Sig. Danilo,
la consulenza via mail non può mai sostituire una visita accurata e la conoscenza della storia clinica del soggetto e dell'area geografica dove vive.
Le consiglio di seguire scrupolosamente le indicazioni del Collega e spero che tutto si sistemi.

Salve Dottore,
ho un rottweiler di 10 mesi 39 kg di peso femminina,e mi sono accorto che il cane aveva gli occhi rossi e sul naso gli mancava un pò di pelo. Sono andato dal mio veterinario e con le analisi è risultato positivo alla leishmaniosi, con livello medio basso (dice il mio veterinario che è stata presa da poco) e mi ha consigliato di usare lo zylorica per un mese con due pasticche al giorno + urbason per 6 giorni...
Vorrei sapere se queste dosi sono giuste, o sono leggere perchè il dottore ha detto di non usare il milteforan in quanto la malattia è ancora all'inizio.
Il mio dubbio è se iniziare già con il milteforan o meno, attendo sua risposta.
Cordiali Saluti Danilo

Gent. Sig. Lorenzo,
se per ora il cane ha preso solo Aminofillina, le consigerei di valutare anche l'associazione con altri farmaci specifici per questa malattia.
Il suo Veterinario la saprà consigliare sicuramente.

Gent. Sig. Athos,
purtoppo le informazioni a mia disposizione non mi permettono di darle alcuna informazione utile.
Spero il suo cane si sistemi al pià presto, forse è meglio che si rivolga per un consulto ad un collega a lei vicino portando tutti gli esami già fatti e facendo come prima cosa gli esami ematochimici completi.

salve dottore, da pochi giorni ho scoperto che il mio cane 13enne, un meticcio di madre pastore tedesco e padre labrador soffre di leishmaniosi, i suoi sintomi sono stati da prima dei dolori articolari (per oltre una settimana riusciva ad alzarsi a stento una volta al giorno, pensando fosse displasia le è stato dato degli antiinfiammatori, dopo di che sono comparse delle necrosi sulle zampe ma abbiamo attribuito questo fatto alla sua smania nel leccarsi le zampe x alleviarsi il dolore, la conferma della malattia ci è stata data dalla crescita delle unghie, perdita di peso, cecità. da circa 4 giorni le è stata prescritta una cura con Aminofillina. sembra risponda bene almeno per quanto riguarda vivacità e le ferite dovute alle necrosi si stanno asciugando (due volte al giorno comunque la disinfettiamo col betadine). Il ns veterinario nn ci ha accennato ad eventuali alternative, è consigliabile che continui questa cura? Dovrei cmq provare a sentire altri pareri? grazie per l'eventuale aiuto, buona giornata. ciao

Salve Dottore,
espongo il mio caso, ho un rottwailer di 10 anni, due giorni fa' e' mstato operato di angioma vicino milza, nei giorni scorsi defecava acqua , e mi vomitava succhi gastrici , abbiamo provato ad analizzare le feci riscontrava tenia dopo aver curata quest' ultima riscontravamo continue diaree, dopo aver effettuato analisi riscontravamo piastrine basse e dopo aver fatto ecografia si operava. sto curando con bassado 2 cps ogni 12 ore piu 1 bustina di biochetasi + 1 fiala di ferro + 1 ranitidina eg. mi farebbe sapere un sua opinione a dimenticavo il cane mangia e dorme..... grazie anticipatamente

Gent. Sig.ra Rossella Francini,
non penso che il problema sia dovuto al Milteforan.
A che razza appertiene il suo cane? Alcune razze dette condrodistrofiche (es. bassotto), possono avere una particolare predisposizione per sviluppare ernie al disco. In questo caso la diagnostica per immagine di elezione è la Tac, se non possibile la mielografia.

gentile dottore - ho curato il mio bassotto x c.ca 4 anni
col glucantine e zyloric - in aprile 08 abbiamo usato il
milteforan - al test malattia ora risulta negativo - a fine
agosto si è bloccato con la colonna vertebrale e nonostante
le cura anche con cortisonici gli è rimasta la zampina ant.
sin. insensibile - il cane ha 10 anni - il mio dubbio che mi
angoscia è questo : il milteforan può avere effetti collaterali
come questo? spero che Lei gentilmente mi risponda.

Salve dottore, le scrivo per confermargli che sto' somministrando il milteforan al mio cane, sono Ceppatelli, l'ho portato dal veterinario e dopo tutti gli analisi gli e' stato diagnosticato la temibile malattia... ora e' due giorni che ha iniziato la cura 3ml a giorno per 28,il cane pesa 32kg, con l'aggiunta di allopurinolo mattina e sera, l'unica cosa che ha iniziato a perdere sangue dal naso, e' nrmale? spero di rivederlo presto giocare come prima.. maledettissima malattia..
a risentirci..
cordiali saluti Ceppatelli Massimo

Gent. Sig. Ceppatelli Massimo,
credo valga la pena, accertato che si tratti di una recidiva, provare il Milteforan, che sicuramente è più comodo da somministrare ed economico.

Salve Dottre,
possiedo un boxer di 5 anni, due anni fa' contrasse il virus della leishmaniosi, si manifesto' in forma nodulare visibili in vari punti del corpo, gli feci la cura tradizionale con punure e pasticche per circa 3 mesi dopodiche il virus scomparse.
Da qualche giorno non lo vedo molto bene, non spalanca bene la bocca come faceva quando prese il virus e ho paura che sia una ricaduta.
Volevo sapere di queste nuove pasticche, se sono efficaci e se possano essere sostituite alle punture che non sono tanto piacevoli e se hanno un costo inferiore, in questo momento sarebbe un problema sostenere tali spese.
La ringrazio e le porgo i miei piu' distinti saluti Massimo

Rispondo alla Sig.ra Caterina. E? appena uscita una nuova linea della Royal Canin Renal particolarmente appetibile ed indicato nei casi di Leishmaniosi. Si informi presso il Suo Veterinario di fiducia.

Rispondo alla Sig.ra Licia. Non è possibile dire se ce la farà con i soli dati in mio possesso. Me lo auguro di cuore. Ad oggi direi non si può essere pessimisti perchè serve più tempo per sciogliere la prognosi.

Rispondo alla Sig.ra Giorgia. Mi fa molto piacere che il suo animale sia tornato a fare la vita di prima. Posso consigliarle di continuare e fare gli esami del sangue con profilo renale ogni 3 mesi e seguire una dieta specifica. Sull'uso di farmaci si affidi al Veterinario che l'ha seguita sin ora con ottimi risultati.

Buongiorno dottor Cattarossi,
la mia cokerina di 4 anni e' risultata positiva al test per la Leishmaniosi, il test e' stato eseguito per un mio scrupolo, perche' il mio cane non ha sintomi.
Il veterinario mi ha dato una cura x 20 giorni a base di Zyloric, perche' la malattia non si e' ancora manifestata, e poi dovremmo rifare l'esame. Da lei vorrei sapere come mi devo comportare per il cibo, perche' ho letto che questa malattia grava sulle reni dell'animale, Le faccio presente che io cucino personalmente il suo cibo, facendo attenzione a farle mangiare tutto quello di cui ha bisogno, carne, pesce (sarde ecct.), latticini, olio di semi, verdure tritate cotte e crude, crusca quando e' necessaria, frattaglie, pollo, coniglio, tuorlo d'uovo, pane... faccio persino i biscotti senza burro, niente intingoli pochissimo sale, niente zuccheri. La domanda e' questa, che dieta devo seguire? devo eliminare la carne che a carico renale forse e' eccessiva o devo ridurne le razioni settimanali? La ringrazio, Caterina

mi occupo di un cane randagio di circa tre anni.Dopo le analisi del sangue ho saputo che la contratto la leishmaniosi.Ho iniziato la cura con il Milteforan ,Stargate,Allopurinolo,e Limican perchè puutroppo senza questa compressa ha nausea e vomito.Sono due settimane di cura,sembra stia meglio,ma non prende peso è sciupato,pensa che riuscirò a salvarlo?Grazie

La terapia per questa malattia è sempre difficile e lunga. La terapia può anche cambiare in virtù della risposta a quella instaurata e degli esami del sangue. La cosa migliora è affidarsi al Medico Veterinario curante che conosce la storia clinica del cane.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

Ambulatorio veterinario "Casale sul Sile"
P.IVA 03777010269